A.S.L. TO3 - Azienda Sanitaria Locale di Collegno e Pinerolo

Sommario:

personalizza:



Servizi online
ASL TO3
ALTRE INFORMAZIONI UTILI

Servizi veterinari - Sanita' animale

home › ASL TO3 › Servizi veterinari › Sanità animale

Il Servizio veterinario di Sanità animale si occupa di:

  • prevenzione e controllo delle malattie trasmissibili all’uomo (zoonosi) e sorveglianza epidemiologica degli animali che vivono in ambiente urbano;
  • gestione di esposti igienico-sanitari e vigilanza permanente;
  • rilascio di pareri autorizzativi e preventivi, su richiesta delle autorità locali, privati ed enti, per l’apertura di ambulatori veterinari, negozi di animali vivi, toelette, ricoveri e manifestazioni con presenza di animali;
  • gestione delle attività di prevenzione del randagismo, anagrafe canina, controllo numerico degli animali urbani, domestici e liberi;
  • rilascio del passaporti per portare gli animali all’estero;
  • gestione delle profilassi di Stato negli allevamenti e delle anagrafi zootecniche e rilascio delle relative certificazioni.

Anagrafe canina

L'identificazione e l'iscrizione dei cani all'Anagrafe Canina della propria regione è obbligatoria su tutto il territorio nazionale. L'identificazione dell'animale viene effettuata tramite l'inserimento del microchip.
Il microchip può essere applicato da un veterinario libero professionista autorizzato, oppure da un veterinario del Servizio Veterinario pubblico dell'ASL competente per territorio, in base alla residenza del proprietario.
Per l'applicazione del microchip al cane presso il Servizio Veterinario occorre che il proprietario prenda appuntamento, di persona o telefonicamente, presso la segreteria del Servizio (Sedi e orari ); il proprietario, o una persona da questi delegata, deve presentarsi con carta d'identità e codice fiscale e ricevuta del pagamento dei diritti sanitari per l’applicazione del microchip (informazioni presso la segreteria del Servizio oppure presso il veterinario di fiducia).
Prima di prendere un cane, a qualunque titolo, occorre accertarsi che l'animale sia stato già identificato e iscritto all'Anagrafe Canina, entro i 60 gg dalla nascita, a nome ed a cura del proprietario della fattrice; spetta sempre al proprietario della fattrice provvedere poi a segnalare all’Anagrafe Canina la cessione del cucciolo al nuovo proprietario.

Documenti necessari per la cessione  di un cane nato e identificato in Piemonte

  1. modello allegato 4 anagrafe canina (scaricabile dal sito http://www.regione.piemonte.it/sanita/cms2/guida-al-servizio-sanitario/animali-domestici ), in tre copie, datato, compilato e firmato dal cedente e dal nuovo proprietario (l’originale è da consegnare all'Asl, una copia segue il cane, la terza copia rimane al cedente);
  2. se la firma non viene apposta davanti all'incaricato dell'anagrafe canina, allegare fotocopia di carta d’identità e codice fiscale di entrambi i firmatari;
  3.  la copia della scheda identificativa del cane (ossia certificato di applicazione del microchip), che deve seguire il cane in tutti i passaggi di proprietà

Si rammenta che il microchip deve essere applicato, entro i 60 giorni dalla nascita del cane, a cura ed a nome del proprietario della mamma dei cuccioli e prima di essere ceduto.

Documenti necessari per la registrazione di cani provenienti da altre regioni*

*  “Linee Guida relative alla movimentazione e registrazione nell’anagrafe degli animali d'affezione ai sensi dell’Accordo 24 gennaio 2013 tra il Governo, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, le province, i comuni e le comunità montane in materia di identificazione e registrazione degli animali d’affezione”,  accordo recepito in Regione Piemonte con Deliberazione Giunta Regionale 7 aprile 2014 n. 32-7387

Nel caso di animali di proprietà ceduti da privati, quando l’animale è stato identificato fuori dalla Regione Piemonte, entro 15 giorni dall'arrivo del cane in Piemonte - e prima di qualsiasi cessione - occorre presentarsi all'Asl di residenza per la compilazione del modello allegato 2 anagrafe canina scaricabile dal sito http://www.regione.piemonte.it/sanita/cms2/guida-al-servizio-sanitario/animali-domestici ), al quale occorre allegare:

  1. documentazione rilasciata dall'ASL di origine del cane, attestante l'avvenuta registrazione del passaggio di proprietà  
  2. copia della scheda identificativa del cane (ossia certificato di applicazione del microchip) che deve seguire il cane in tutti i passaggi di proprietà

Documenti necessari per la registrazione di cani introdotti in Piemonte da altri stati

1 - per i cani provenienti da stati appartenenti alla Comunità Europea: entro 15 giorni dall'arrivo del cane in Italia - e prima di qualsiasi cessione - occorre presentarsi all'Asl per la compilazione del modello allegato 2 anagrafe canina (scaricabile dal sito http://www.regione.piemonte.it/sanita/cms2/guida-al-servizio-sanitario/animali-domestici ), esibendo il passaporto del cane, sul quale deve essere registrata l'avvenuta effettuazione di un vaccino antirabbico, fatto almeno 21 giorni prima dell'arrivo dell'animale.

2 - per i cani provenienti da paesi terzi (extra CE): entro 15 giorni dall'arrivo del cane in Piemonte - e prima di qualsiasi cessione - occorre presentarsi all'asl per la compilazione del modello allegato 2 (scaricabile dal sito http://www.regione.piemonte.it/sanita/cms2/guida-al-servizio-sanitario/animali-domestici), con la copia del certificato sanitario di accompagnamento del cane, che attesta l'avvenuta vaccinazione antirabbica effettuata sul cane nei tempi previsti (diversi per ogni Stato) e l'eventuale effettuazione della titolazione anticorpale (per maggiori informazioni consultare il sito http://ec.europa.eu/food/animal/liveanimals/pets/index_en.htm ).

L'Italia non accetta l'introduzione, da Stati Europei ed extra CE, di cani di età inferiore ai tre mesi e non validamente vaccinati nei confronti della rabbia, anche se in possesso di passaporto europeo. Si raccomanda di verificare sempre che sul passaporto o sul certificato sanitario, nell'apposita sezione, sia stata certificata tale vaccinazione.

Altri adempimenti
Il proprietario di un cane deve comunicare all'Anagrafe Canina, entro 15 giorni, anche la morte del proprio animale, oppure la variazione di indirizzo di residenza o di indirizzo di detenzione; è opportuno segnalare anche  la variazione dei recapiti telefonici.
Lo smarrimento del proprio cane deve essere denunciato entro 3 giorni al Comando di Polizia Municipale del comune di residenza.

 

Passaporti per cani, gatti e furetti

Cani, gatti e furetti che sono portati all'estero a seguito del proprietario, sia in paesi comunitari sia in paesi extra CE, devo essere accompagnati dal “Passaporto per animali da compagnia” rilasciato dal Servizio Veterinario.
Per il rilascio del Passaporto per animali da compagnia occorre recarsi, previo appuntamento, di persona o telefonicamente, presso il servizio Veterinario dell'ASL di residenza (Sedi e orari Servizi Veterinari ASLTO3), muniti di documento d'identità ed in compagnia dell’animale per il controllo di identità. Inoltre è necessario che:

  • il cane sia identificato con tatuaggio leggibile o microchip e registrato all’Anagrafe Canina Regionale
  • il gatto o il furetto siano identificati con il microchip
  • che l'animale, dopo essere stato identificato, sia stato vaccinato contro la rabbia da almeno 21 giorni (se si tratta della prima vaccinazione) e da non più di 11 mesi.

La prima registrazione dell'avvenuta vaccinazione sul passaporto è effettuata dal Servizio Veterinario al momento del rilascio, mentre le successive vaccinazioni saranno registrate dal veterinario libero professionista che le avrà effettuate.
Per condurre il proprio animale da affezione in paesi extra CE si consiglia di contattare il Servizio Veterinario di riferimento del proprio territorio e/o consultarsi telefonicamente con l'Ambasciata del Paese che si vuole visitare assieme al proprio animale, per verificare i requisiti sanitari aggiuntivi. A tal proposito può essere utile per maggiori informazioni, la consultazione della seguente pagina: http://ec.europa.eu/food/animal/liveanimals/pets/index_en.htm

Dove

Morsicature e aggressioni

Le morsicature, i graffi e le aggressioni se sono oggetto di intervento medico o medico veterinario, se il fatto riguarda gli animali, sono segnalate ufficialmente al Servizio veterinario. il Servizio veterinario provvede al controllo sanitario del soggetto morsicatore o morsicato (profilassi della rabbia) e a una valutazione comportamentale, attraverso un apposito questionario. Il periodo di osservazione sanitaria per i soggetti morsicatori è di 10 giorni mentre per gli animali morsicati da animale rimasto ignoto è di 6 mesi. La visita sanitaria prevede il pagamento di un ticket.

Cani vaganti

Non si devono raccogliere i cani vaganti per strada, ma si devono segnalare alla Polizia Municipale del paese dove sono visti che provvederà ad avvisare il servizio apposito.

Raccogliere un cane e tenerlo è vietato dalla legge e potrebbe impedire al cane di rientrare nella famiglia dove vive.


PROPRIETARI DI EQUIDI




ASL TO3, via Martiri XXX Aprile 30 – 10093 Collegno (TO) Italia P.IVA e C.F. 09735650013
Disclaimer - Cookies Policy - Direttore Responsabile Mauro Deidier
© Copyright 2006 - ® Tutti i Diritti Riservati Realizzato dalla ASL TO 3 in collaborazione con il CSI-Piemonte Sito Web Accessibile W3c XHTML 1.0 W3C Valid CSS