A.S.L. TO3 - Azienda Sanitaria Locale di Collegno e Pinerolo

Sommario:

personalizza:


Servizi online
ASL TO3
ALTRE INFORMAZIONI UTILI

News

home › News › ATTENTI ALLA SALUTE 2013
ULTIMA SERATA DEL PROGRAMMA ATTENTI ALLA SALUTE 2013
GIOVEDI’ 12 DICEMBRE 2013 A COLLEGNO ALLE ORE 20,30
PRESSO IL CENTRO CIVICO “B.CENTELEGHE” IN VIA GOBETTI 2

Alzheimer, Parkinson: invecchiamento cerebrale

OGNI 1000 PERSONE VENGONO ANNUALMENTE IDENTIFICATI 12 NUOVI CASI DI DEMENZA - LE DEMENZE SONO AL QUARTO POSTO NELLA CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE PER LE PERSONE DI ETA’ SUPERIORE A 65 ANNI ED IL 55% DELLE DEMENZE E’ RAPPRESENTATO DALLA MALATTIA DI ALZHEIMER CHE INTERESSA NELLA SOLA ASL TO3 BEN 7700 PERSONE - LA MALATTIA DI PARKINSON INTERESSA L’1,5% DEGLI ANZIANI (> 65-70 anni) PARI A 1700 PERSONE NELL’ASL TO3

La demenza senile viene definita anche: “epidemia silente del terzo millennio”; in Italia oggi ne sono affette quasi 700.000 persone e il numero è in aumento visto il aumento con il progressivo invecchiamento della popolazione. Le demenze rappresentano la quarta causa di malattia negli ultrasessantacinquenni dei paesi occidentali.

Alzheimer

Queste le   tematiche che saranno trattate dal dr. Emilio Luda di Cortemiglia, Direttore del Servizio di Neurologia degli ospedali riuniti di Rivoli, giovedì 12 dicembre nell’incontro che si terrà a Collegno alle ore 20,30 nel Centro Civico “B. Centeleghe” in via Gobetti n.2.
La  diffusione di queste patologie  aumenta con l’età, ed è maggiore nel sesso femminile, soprattutto per la malattia dell’Alzheimer.

ALZHEIMER

In particolare il  50-60% delle demenze è costituito dalla malattia di Alzheimer, caratterizzata da una progressiva perdita delle capacità cognitive a cui sono correlati disturbi comportamentali, modificazione dei tratti di personalità dell’individuo, che oltre ai disagi e alle sofferenze per l’interessate comportano un forte impegno assistenziale (ed emotivo) per i familiari ed i care giver ed un importante carico sociale e sanitario legato alla necessità sempre più diffusa della istituzionalizzazione in case di riposo e/ in centri diurni di accoglienza.
In ASL TO3 il 22 % della popolazione (123.000 ab. Su 560.000) ha una età superiore ai 65 anni; perciò, poiché la demenza interessa il 6,4% della popolazione di questa fascia di età, ed i dati nell’ASL TO 3 sono in linea con le medie nazionali, sono circa 7700 le persone – e le relative famiglie  - attualmente interessate da questo problema.

I fattori di rischio che favoriscono lo sviluppo della Malattia di Alzheimer sono numerosi ma esistono parallelamente alcuni fattori di protezione che possono essere messi in atto per prevenire o allungare i tempi di insorgenza della malattia e/o limotare gli effetti secondari:

  • abitudini di vita e comportamenti alimentari corretti (svolgere una regolare attività fisica, mantenere l’attività mentale, evitare l’alcool);
  • controllare le patologie croniche quali l’ipertensione, la depressione;
  • assumere  estroprogestinici nelle donne in menopausa, assumere l’acido acetilsalicilico, per i soggetti a rischio di ictus cerebrale;
  • assumere antiossidanti;
  • mantenere una dieta ipocalorica ricca di frutta e vegetali (con un rapporto adeguato di vitamina E, vitamina C, vitamina B12 e folati).

Tuttavia, quando la malattia si presenta, al fine di fornire un’assistenza globale soprattutto finalizzata ad azioni di prevenzione secondaria, presso il Servizio  di Neurologia dell'Ospedale di Rivoli è attivo dal 2003 un centro UVA (Unità di Valutazione Alzheimer)  finalizzato alla diagnosi precoce e al trattamento dei pazienti affetti da disturbo di memoria isolato e da decadimento cognitivo per i quali si possa ipotizzare la Malattia di Alzheimer per cui risulta di fondamentale importanza cogliere i primi segni ed effettuare un’attenta diagnosi differenziale (rispetto ad altre patologie), per consentire un rapido intervento sulle forme reversibili e l’applicazione di  terapie che possono ritardarne la progressione.

parkinson

PARKINSON

La Malattia di Parkinson è una malattia neurodegenerativa, ad  esordio spesso insidioso ed andamento cronico, che comportava principalmente una compromissione della ‘motilità’ dei pazienti con progressiva riduzione dell’autonomia; nell’ASL TO3  interessa l’1,5% delle persone di ètà superiore ai 65-70 anni pari a circa  1700  persone.

A differenza della patologia di Alzheimer, la malattia di Parkinson risulta di difficile prevenzione poiché legata fondamentalmente alla degenerazione dei neuroni della sostanza compatta della sostanza nera del mesencefalo ventrale per il cui rallentamento del processo di distruzione, vengono usati farmaci con specifiche funzioni:

  • Neuroprotezione: evitare la progressione (sperimentali)
  • Sintomatica: per correggere i disturbi e migliorare la qualità di vita
  • Contenere i rischi della malattia ed i rischi di alcuni farmaci utilizzati.

Nonostante i progressi per la cura, la malattia ha un decorso cronico molto variabile e difficilmente prevedibile per cui si evidenzia una grande variabilità nel grado di invalidità raggiunto dai pazienti dopo un certo numero di anni di malattia, solo in parte prevedibile nel singolo caso.
Percio’, in ASL TO3, a titolo di esempio presso la Neurologia di Pinerolo, per le persone ed i familiari interessati da questa problematica viene garantito un percorso preferenziale dedicato finalizzato a sostenere il paziente ed in familiari per evitare o contenere i pricipali rischi e/o problemi a cui va incontro la persona malata di Parkinson per bisogni legate alla sfera clinica, cognitiva e relazionale.

 

10 dicembre 2013

altre notizie >>



ASL TO3, via Martiri XXX Aprile 30 – 10093 Collegno (TO) Italia P.IVA e C.F. 09735650013
Posta Elettronica Certificata
Disclaimer - Cookies Policy
© Copyright 2006 - ® Tutti i Diritti Riservati Realizzato dalla ASL TO 3 in collaborazione con il CSI-Piemonte Sito Web Accessibile W3c XHTML 1.0 W3C Valid CSS