A.S.L. TO3 - Azienda Sanitaria Locale di Collegno e Pinerolo

Sommario:

personalizza:


Servizi online
ASL TO3
ALTRE INFORMAZIONI UTILI

News

home › News › NOTIZIE DALL’ASL TO3

17 novembre 2017

1) SUSA: EVENTO FORMATIVO LUNEDI’ 27 SUL DISAGIO PSICHICO PERINATALE E LA PRESA IN CARICO PRECOCE

Lunedì 27 novembre 2017 nella Sala Consiliare del Comune di Susa, si terrà un evento formativo sul tema del disagio psichico durante il travaglio di parto, dopo il parto e durante la crescita neuropsicomotoria del bambino. Non a caso la Direzione  dell’ASL TO3 ha ritenuto di localizzare l’evento presso  l’area territoriale ( Ospedale e Distretto di Susa-Giaveno)  nella quale  sono particolarmente sviluppati i servizi nell’Area materno infantile ( ad iniziare dal relativo  Day Service).

L’obiettivo del progetto è quello di realizzare un intervento condiviso per la promozione del tema del disagio psichico in gravidanza e nel puerperio e dei fattori protettivi per la prevenzione e per il riconoscimento del disagio psichico perinatale da parte dei professionisti della rete dei servizi del percorso nascita e delle cure primarie.  La gravidanza e il periodo che va dalla nascita al primo anno di vita del bambino si configurano come due dei momenti emotivamente più importanti nella vita di una donna. I cambiamenti ai quali la donna è sottoposta durante la gravidanza sono talvolta responsabili di fragilità che possono esprimersi in modo diverso e che possono compromettere il benessere psichico della donna e della coppia, con conseguenti ripercussioni sulla neofamiglia dopo la nascita del bambino.

L’evento formativo si inserisce nel contesto del progetto multiregionale CCM (Centro nazionale per il Controllo delle Malattie) “Riconoscimento del disagio psichico perinatale e sostegno alla maternità e paternità fragile da parte della rete dei servizi del percorso nascita e delle cure primarie” avviato 2 anni orsono e  coordinato dalla regione Emilia Romagna in cui sono stati coinvolti Piemonte, Emilia Romagna, Lazio, Toscana, Sicilia e Campania. Il corso è dedicato in particolare agli operatori dei servizi di riferimento e si pone l’obiettivo di fornire strumenti per l’intercettazione precoce e la valutazione del disagio psichico perinatale, il suo riconoscimento e la presa in carico da parte dell’equipe multiprofessionale.

 

2) SERVIZIO DI PSICOLOGIA: ATTIVATA UNA COLLABORAZIONE SCIENTIFICA CON L’UNIVERSITA’ PER IL SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PIU’ FRAGILI

Si è avviata in questi giorni una collaborazione scientifica fra il Servizio di Psicologia dell’ASL TO3 diretto dal Dr. Alessandro Bonansea ed il Dipartimento di Psicologia dell'Università di Torino diretto dal Prof. Alessandro Zennaro per l'innovazione e lo sviluppo di trattamenti innovativi  rivolti alla promozione della genitorialità.

In particolare la collaborazione è finalizzata allo sviluppo dell' innovazione delle psicoterapie dedicate ai minori ed ai relativi genitori   nell’ambito delle   famiglie più vulnerabili, e vede coinvolti i Servizi di  psicologia dell'età evolutiva dell'ASL TO 3 di cui è responsabile la Dott.ssa Paola Monaci e il team di ricerca della Prof.ssa Piera Brusita del Dipartimento di Psicologia dell'Università di Torino.

Il lavoro congiunto è focalizzato sull'analisi delle variabili psicologiche messe in campo nella  valutazione e trattamento della fragilità genitoriale, e costituisce in tal senso  la prima esperienza in Piemonte. La ricerca risulta complementare, al  progetto nazionale PIPPI ( programma di intervento per la prevenzione dell'istituzionalizzazione ) e alle “Linee di indirizzo  nazionali sugli interventi da adottare con bambini e famiglie in condizioni di vulnerabilità” del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Al riguardo, una domanda frequente che arriva agli ambulatori di psicologia infantile riguarda la valutazione e trattamento delle competenze genitoriali, a seguito di segnalazioni e provvedimenti dell'Autorità Giudiziaria (Tribunale dei Minori, Tribunali ordinari e Procure della Repubblica). In questi casi l'attenzione da parte dell’Autorità Giudiziaria è motivata da esigenze di particolare tutela della salute del minore, che può prevedere anche  misure di allontanamento e collocazione extrafamiliare di natura transitoria, in attesa del recupero di idonee competenze genitoriali.

Le famiglie di questo tipo risultano particolarmente fragili e necessitano di interventi psicologici  particolarmente complessi: si rende necessario lavorare alla costruzione di  ambienti familiari, educativo-scolastici e sociali ricchi di affetti, relazioni e stimoli positivi, circostanze che  contribuiscono in maniera determinante alla qualità dello sviluppo infantile e di conseguenza della società nel suo insieme. I bambini che crescono invece in ambienti avversi dimostrano nel tempo maggiori difficoltà di comportamento, apprendimento, più probabilità di fallimenti scolastici : la povertà psico-sociale e educativa esperita nell’ambiente familiare nei primi anni di vita è quindi  un forte predittore di disuguaglianze sociali e povertà economica.

Migliorare  il potenziale educativo delle famiglie non è quindi solo un dovere ed un compito dei servizi di  sostegno, ma rappresenta anche  un’azione di giustizia sociale, perché una genitorialità positiva  interrompe o quantomeno rallenta  il percorso che conduce allo svantaggio sociale.

 

 


 

altre notizie >>



ASL TO3, via Martiri XXX Aprile 30 – 10093 Collegno (TO) Italia P.IVA e C.F. 09735650013
Posta Elettronica Certificata
Disclaimer - Cookies Policy
© Copyright 2006 - ® Tutti i Diritti Riservati Realizzato dalla ASL TO 3 in collaborazione con il CSI-Piemonte Sito Web Accessibile W3c XHTML 1.0 W3C Valid CSS