S.S. Neonatologia Pinerolo

S.S. Neonatologia Pinerolo

Responsabile: Dott. Valter Moresco

foto neonatologia (1)

La S.S. Neonatologia dell’Ospedale di Pinerolo è un centro di I livello in cui l’assistenza neonatale è basata sui principi della “care”, un programma di assistenza personalizzata, che segue le fasi evolutive del neonato con strategie mirate e particolarmente attente alla prevenzione e riduzione del dolore. La Struttura Semplice Neonatologia Pinerolo fa parte della Struttura Complessa Pediatria Pinerolo.

Informazioni

Collaborazione per Incontri di Accompagnamento alla Nascita (IAN).

Assistenza a neonati fisiologici.

Assistenza ai neonati patologici dalle 32 settimane di Età Gestazionale e con un peso superiore ai 1500 gr.

Punto Nascita in rete con le terapie intensive neonatali nell’accoglienza e prosecuzione delle cure per i neonati fortemente Prematuri (EG < 32 settimane). In caso di necessità di trasferimento presso una Terapia Intensiva Neonatale, il trasporto viene garantito dal Servizio di Trasporto di Emergenza Neonatale (STEN) composto dal team (neonatologo e infermiera) della Terapia Intensiva dell’Ospedale S. Croce e Carle di Cuneo, utilizzando ambulanza dedicata.

Sostegno all’allattamento.

Donazione di sangue cordonale – Nel nostro punto nascita si effettuano donazioni di sangue cordonale, gesto di altruismo gratuito ed indolore: il prelievo avviene lontano dal nascituro utilizzando una sacca sterile. Questa procedura assicura un’efficace donazione che poi viene inviata alla banca pubblica del sangue cordonale.

Rete DPP (disagio post-parto) – Il personale del Dipartimento è sensibilizzato all’intercettazione di segni materni di disagio psichico perinatale, con invio e presa in carico immediata della donna presso il servizio di Psicologia dedicato, al fine di garantire il sostegno necessario

Per garantire queste prestazioni, è prevista la presenza di un pediatra con esperienza neonatologica in guardia attiva 24 ore al giorno, personale infermieristico qualificato in ambito pediatrico e puericultrici.

Il corredino del neonato è composto da 3 cambi completi: 1 body, 1 tutina, calzini, non necessariamente nuovi ma lavati, ed 1 cambio per il giorno della dimissione.

Sin dal primo momento dopo il parto viene garantito il decorso fisiologico dell’adattamento alla vita extra uterina, ritardando di alcuni minuti il clampaggio del cordone ombelicale fino al cessare delle pulsazioni.

In sala parto viene favorito il contatto prolungato “pelle a pelle” con mamma e papà (Skin to Skin).

Fin dai primi istanti di vita del bambino viene favorito il “Bonding neonatale ” utilizzando tecniche specifiche per favorirlo, dimostrandosi il metodo più naturale e primordiale per avviare efficacemente l’allattamento materno.

Poco dopo la nascita vengono praticate la profilassi della malattia emorragica con vit K e quella dell’infezione oculare con istillazione di collirio.

In linea con le evidenze nazionali si effettua rooming-in neonatale, sulla base delle esigenze individuali.

Il personale del Nido, durante la giornata, si reca più volte da ogni mamma, aiutandola e sostenendola nell’accudimento del suo bambino, promuovendo l’allattamento al seno, se lo si desidera, nel cambio del pannolino, nella medicazione del moncone ombelicale, e per qualsiasi altra esigenza, confermando le sue capacità naturali e rinforzando la relazione mamma-bambino.

Ai neonati vengono effettuati:

Screening metabolico della regione Piemonte, attraverso un prelievo di poche gocce di sangue dal tallone per individuare alcune malattie, per fortuna rare che non compromettono la salute del bambino se diagnosticate precocemente

Screening uditivo neonatale con la metodica delle otoemissioni per tutti i neonati e il test dei potenziali evocati uditivi (AABR) per casi selezionati

Screening delle anche rivolto alle bambine ed ai bambini con fattori di rischio per i nati della nostra struttura

Esami ecografici mirati e controlli ematochimici e/o strumentali su indicazione clinica

Colloquio personalizzato alla dimissione che di solito avviene dopo 48/60 ore in caso di parto spontaneo se le condizioni di mamma e bambino lo permettono. È questo il momento in cui il pediatra risponde ad eventuali domande, illustra l’agenda di salute fornisce informazioni e modalità di iscrizione per il Pediatra di Libera Scelta ed eventualmente da indicazione ad eventuali controlli in ambulatorio o c/o il consultorio di riferimento.

Il Punto Nascita di Pinerolo è dotato di un’area dedicata all’accoglienza dei neonati patologici, o dei prematuri, anche provenienti da strutture di II Livello, che richiedono un’assistenza particolare, basata su varie tecniche di care e di accompagnamento all’acquisizione di respiro spontaneo e di suzione autonoma.

I genitori e gli eventuali fratellini possono accedere alla stanza dei prematuri seguendo la procedura del Centro Nascita (viene consegnato un opuscolo al momento del ricovero).

Le mamme possono assistere il proprio piccolo dalle 11 del mattino in poi, viene a loro garantito il pasto.

Non appena le condizioni cliniche dei bambini ricoverati lo consentono viene proposta la marsupio terapia. I neonati prematuri alla dimissione vengono prenotati per le visite di monitoraggio presso l’ambulatorio dedicato, condotto dai pediatri del Punto Nascita con la consulenza della Neuropsichiatra Infantile.

Il personale della S.S. Neonatologia promuove e sostiene l’allattamento al seno sin dalla nascita, favorendo lo skin to skin (contatto pelle-pelle) e l’attacco precoce nei primi minuti di vita.

Attraverso l’ascolto attivo, empatico, l’attesa dei tempi, la preparazione di un ambiente accogliente, vengono favoriti i presupposti per una condizione relazionale di reciproca fiducia tra il personale e la coppia mamma-bambino.  Il rientro a casa è un momento importante di cambiamento nell’organizzazione della vita personale e di coppia. I primi approcci di cura del proprio bambino rappresentano una fase di trasformazione, densa di emozioni, ma anche di dubbi e talvolta di confusione. Spesso si può sentire la necessità di confrontarsi. Di fondamentale importanza la presenza di una rete di collegamento tra ospedale e territorio, caratterizzata dai servizi dei consultori, dove è presente uno spazio dedicato al sostegno allattamento al seno.

Il personale della Neonatologia fornisce, al momento della dimissione, i contatti telefonici delle infermiere pediatriche presenti nei rispettivi consultori.

Il massaggio del bambino è un efficace strumento con il quale rafforzare la relazione con i nostri bambini. Non si tratta di imparare una tecnica, ma di affinare un’attitudine, un modo di comunicare profondo, che facilita lo scambio di messaggi affettivi, sia attraverso il linguaggio verbale sia attraverso quello non verbale e fa sentire il bambino sostenuto, amato ed ascoltato. Il massaggio del bambino, attraverso l’osservazione, la pazienza, l’attenzione, aiuta i genitori nel riconoscimento dei segnali inviati dal piccolo, implementando la loro capacità di sentirsi competenti.

Già durante la degenza, in particolare dei neonati pretermine, viene proposta ai genitori questa antica tradizione.

S.C. Pediatria Pinerolo

Direttore: Dott. Luca Roasio
E mail: lroasio@aslto3.piemonte.it

 

S.S. Neonatologia Pinerolo

Responsabile: Dott. Valter moresco

E mail:  vmoresco@aslto3.piemonte.it

 

 

Dirigenti medici:

Dott.ssa P. Benech – pbenech@aslto3.piemonte.it

Dott.ssa M.E. Donadio – mdonadio@aslto3.piemonte.it

Dott. A. Ferrando – aferrando@aslto3.piemonte.it

Dott.ssa R. Gallo – rgallo@aslto3.piemonte.it

Dott.ssa A.G. Malano – gmalano@aslto3.piemonte.it    

Dott. V. Moresco –  vmoresco@aslto3.piemonte.it  

Dott.ssa E. Paradiso – eparadiso@aslto3.piemonte.it

Dott.ssa M.C. Zambelli – mczambelli@aslto3.piemonte.it

 

Coordinatore Infermieristico

Sig.ra Maria Cristina Masoero – mcmasoero@aslto3.piemonte.it

Segreteria:
Sig.ra Maria Luisa Fiammotto
Tel.: 0121233628

Tel. 0121/ 233202
Fax 0121/233794

E-mail: neonatologia.pinerolo@aslto3.piemonte.it

Link utili

  • Nati per Leggere
  • Banca del latte
  • La Leche League
  • Nati con la cultura: progetto della Regione Piemonte rivolto alla promozione della cultura mediante un “passaporto culturale” per ogni nuovo nato; il passaporto permette un ingresso libero al museo aderente al progetto, al bambino/a con il suo nucleo familiare (fino a 2 accompagnatori) fino al compimento del suo primo anno d’età. Il passaporto ha validità tutti i giorni di apertura del museo, ogni qual volta la famiglia lo vorrà, perché il museo è di ognuno di noi, fin dai primi passi e andarci deve essere un piacere da condividere, per tutta la vita.
Aumento Testo